pagina inizialeArcivescovo, biografia, stemma, ingresso in diocesi, omelie, agenda, segreteria, ...arcidiocesi, cenni storici, vicarie, parrocchie, santo patrono,...organigramma, curia vescovile, vicario generale, settori e coordinatori, vicari foranei, cancelleria, uffici, organi consultivi, ...presbiteri, diaconi, vita consacrata, ...altri enti, seminari, musei, biblioteca, archivio, ...laici, aggregazioni laicali presenti in diocesi, ...media, stampa diocesana, photogallery, video, ...archivio news ed eventi in ordine cronologico, ...contatti, e-mail, telefono, fax, ...

 Incontro con il laicato e SS. Messa 150 anni Unità d'Italia

Mons. Bertolone incontra i laici
Nella messa ricordati i 150 anni dell'unità d'Italia e le parole di Napolitano

11 giugno 2011
 

Secondo la mirabile espressione del beato Giovanni Paolo II espressa nella Centesimus Annus «l'uomo è la via della Chiesa». E quando è veramente inserito in Cristo e vive la stessa vita di Cristo, egli diviene portatore nel mondo della fede, della speranza, della carità, capace di fare nuove tutte le cose: la famiglia, la comunità cristiana, la società civile, ogni struttura e organismo di qualsiasi natura.
Ieri pomeriggio nella chiesa Cattedrale l'Arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, incontrando il laicato cattolico con gli organismi di partecipazione ecclesiale, i gruppi, le associazioni ed i movimenti, ha fatto percepire interessamento, attenzione, sollecitudine ed amore paterno per il popolo che gli è stato affidato. Tanti i fedeli, giunti dalle parrocchie della diocesi, che con la loro presenza hanno rinnovato dinanzi al proprio pastore la volontà di voler percorrere insieme una strada non frutto di competizione, ma di comunione per essere vera Chiesa di Dio.
Dopo un breve saluto del Vicario generale, mons. Raffaele Facciolo, che ha rivolto un augurio a tutti i presenti, i rappresentanti dei gruppi, delle associazioni e dei movimenti hanno presentato all'Arcivescovo la propria identità di cammino all'interno della comunità diocesana. Tutti, in maniera corale, nel porgere un caloroso e filiale saluto al Pastore, hanno ribadito un impegno costante. «Grazie - ha detto Mons. Bertolone - per questa risposta che avete dato al mio invito. Con voi voglio vivere altre iniziative che coinvolgano l'intera comunità ecclesiale».
Poi il Presule ha presieduto la preghiera del Rosario e la solenne concelebrazione eucaristica ricordando, come intenzione particolare, i 150 anni dell'Unità d'Italia, secondo anche le indicazioni date dal presidente della Conferenza Episcopale Italiana, cardinale Angelo Bagnasco. Tra le autorità presenti alla celebrazione: il sindaco Michele Traversa, che ha espresso un particolare ringraziamento all'Arcivescovo per la lodevole iniziativa per i 150 anni dell'Unità d'Italia, il prefetto Antonio Reppucci, il parlamentare Mario Tassone, il presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico, quello della Provincia Wanda Ferro, sindaci, e numerose autorità civili e militari.
«Il simbolo dell'unità, che ci accomuna nella celebrazione della nascita dello Stato Italiano - così si è espresso il Presule - , ci ha fatto incontrare in questa giornata che in qualche modo segna la prima tappa del mio ministero episcopale nella nobile Cattedrale di Catanzaro». Nel ripercorrere alcune tappe storiche dell'Unità d'Italia, Bertolone ha fatto un richiamo alla citazione del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che evocando don Sturzo, De Gasperi e Bachelet, ha sottolineato come «il grande contributo che la Chiesa e i cattolici hanno dato, spesso pagandone alti prezzi, alla storia d'Italia ed alla crescita del Paese». Per mons. Bertolone «le parole del Presidente della Repubblica affermano inequivocabilmente un dato: l'amore di Patria non esclude la fede. Al contrario, l'uno e l'altra formano un unicum, che si sostanzia nella memoria condivisa e nel futuro da condividere».
Poi l'arcivescovo si è rivolto ai futuri protagonisti del domani: «I giovani, come già ammoniva Quintiliano, non sono vasi da riempire, ma fiaccole da accendere. A voi giovani, perciò, è richiesto l'impegno per la difficile opera di interiorizzazione della gloriosa tradizione culturale e religiosa italiana. E vi invito a farlo, schierando la Chiesa locale al vostro fianco, andando a riscoprire le basi religiose, culturali, antropologiche e relazionali, a partire dalla verità sull'uomo, dall'affermazione della sua dignità e dalla sua vocazione trascendente. È così che si formano coscienze rette. In questo vostro cammino determinante deve essere il contributo della scuola e della famiglia».
Mons. Bertolone ha ribadito la necessità di favorire la formazione di uomini e donne che, ispirandosi a valori alti e nobili, servano nella Patria e nella bandiera il prossimo, alla stregua di Cristo con spirito di servizio, con senso dello Stato, nella difesa dell'identità cristiana. «Insieme - ha detto il Presule - ci si batta per un nuovo modo d'essere e di pensare, dal quale solo può venire quella ribellione alle mafie il cui percorso è già tracciato, silenziosamente, proprio da tanti giovani e da tanta gente onesta della nostra amata Calabria che hanno capito che Vangelo e mafia sono incompatibili».
 

fonte: Giovanni Scarpino - La Gazzetta del Sud  12 giugno 2011

 





 

 

 

 

 

  

   Download


Mons. Bertolone durante l'Omelia

OMELIA
Santa Messa 150° Anniversario
Unità d'Italia
Catanzaro, 11 giugno 2011

Diletti confratelli nel sacerdozio, Signor Sindaco, Signor Prefetto, gentile Presidente della Provincia, Presidente del Consiglio della Giunta Regionale, carissimi Sindaci, signori Amministratori, carissimi fedeli ed amici,
il simbolo dell’unità, che ci accomuna nella celebrazione della nascita dello Stato italiano, ci ha fatto incontrare in questa giornata che in qualche modo segna la prima tappa del mio ministero episcopale nella nobile Cattedrale di Catanzaro.
La cornice di questa celebrazione è l’evento che oggi la liturgia ci invita a celebrare: il grande mistero della Pentecoste ...

PHOTOGALLERY


INCONTRO CON IL LAICATO

SS. MESSA
150° ANNIVERSARIO UNITA' D'ITALIA

 

 
     

web project management ® WEB STUDY

info ottimizzazioni - note legali