pagina inizialeArcivescovo, biografia, stemma, ingresso in diocesi, omelie, agenda, segreteria, ...arcidiocesi, cenni storici, vicarie, parrocchie, santo patrono,...organigramma, curia vescovile, vicario generale, settori e coordinatori, vicari foranei, cancelleria, uffici, organi consultivi, ...presbiteri, diaconi, vita consacrata, ...altri enti, seminari, musei, biblioteca, archivio, ...laici, aggregazioni laicali presenti in diocesi, ...media, stampa diocesana, photogallery, video, ...archivio news ed eventi in ordine cronologico, ...contatti, e-mail, telefono, fax, ...

Apertura Anno Pastorale 2011 - 2012


un momento della celebrazione eucaristica


Apertura Anno Pastorale

Catanzaro, 20 ottobre 2011


dall' Omelia dell'Arcivescovo Mos. Vincenzo Bertolone


Reverendissima Eccellenza, sacerdoti e diaconi, religiosi e religiose carissimi, autorità civili e militari, fedeli tutti della Chiesa di Dio che è in Catanzaro Squillace, è motivo di grande gioia celebrare l’Eucaristia in questo giorno in cui, come comunità diocesana affidiamo al Signore il cammino di questo nuovo anno pastorale che è il primo del mio ministero episcopale in questa nobile arcidiocesi di Catanzaro-Squillace.
Animato dallo Spirito di verità e di libertà, ho scelto di percorrere questo nuovo cammino incentrandolo su quelle verità di fede che il catechismo definiva “i novissimi”: la morte, il giudizio, l’inferno, il purgatorio e il paradiso.
Il termine latino è “res novissimae”, che possiamo tradurre con “realtà estreme”, dette anche “nuovissime” perché non ne abbiamo alcuna conoscenza diretta anche se giungeranno per ciascuno di noi: esse saranno l’ultima grande “novità” e sorpresa della vita che ci attende al momento della nostra morte.
Si tratta di verità fondamentali per un battezzato, anche se in questi tempi confinate nel silenzio, alle quali si preferisce non pensare, forse perché inquietanti. Non si può, però, intraprendere un viaggio senza avere chiara la meta da raggiungere. Per questo motivo invito tutti in ogni parrocchia a riflettere sulla meta a cui ci portano i giorni che passano.
Porre a tema di un anno pastorale i novissimi significa ripensare ogni scelta comunitaria e personale alla luce della risurrezione. Aiutare a  ...continua >>

 

DOCUMENTO INTEGRALE


 

 

Il monito dell’arcivescovo per aprire l’anno pastorale
Mons. Bertolone in Cattedrale
«Iniziamo a cambiare noi preti»


Il Quotidiano della Calabria, 21 ottobre 2011
di Luigi Mariano Guzzo


 


EDUCARE. Servire. Curare. Tre verbi per “radicare la nostra vita spirituale nel Vangelo”. E vivere  così “ogni attimo come qualcosa di eterno”. Monsignor Vincenzo Bertolone, arcivescovo metropolita di Catanzaro- Squillace, con una celebrazione eucaristica in Cattedrale alla quale partecipa pure l’arcivescovo emerito Antonio Cantisani, avvia il nuovo anno pastorale della diocesi catanzarese, ch’è anche il primo dall’inizio del suo ministero episcopale a Catanzaro. Nell’occa - sione l’arcivescovo consegna alla comunità l’attesa lettera pastorale dal titolo “Ogni attimo è carico di … Etereno”. Più di centoventi pagine dedicate al tema dei novissimi, le realtà ultime della morte, del giudizio, dell’inferno, del purgatorio e del paradiso, in cui Monsignor Bertolone invita a “cercare risposte nel trascendente per trarne indicazioni di senso e di pensiero per la vita”. Perché proprio i “novissimi” al centro delle indicazioni pastorali? Semplice: “per ripensare ogni scelta  comunitaria e personale alla luce della risurrezione”, spiega Monsignor Bertolone nell’omelia. E se tutto deve essere riletto alla luce della risurrezione c’è bisogno di una conversazione, di un cambiamento radicale nelle prassi di vita. “Cambiamo”, esclama dall’altare l’arcivescovo metropolita. “Se vogliamo che qualcosa nella Chiesa cambi cominciamo da noi preti. Prendiamo coscienza della dignità battesimale e facciamo in modo che da lì parta il nostro stile vita per vivere nella verità il ministero ordinato.”. Parole coraggiose quelle che il presule rivolge ai sacerdoti della diocesi. Senza esitazione aggiunge di aver incontrato in diocesi “preti zelanti nel ministero”, ma pure “preti stanchi che si mimetizzano con il fare del mondo”. Ecco il monito quindi per una “Chiesa credibile” e per dei “preti credibili”. Intanto si comincia a riformulare l’organigramma della diocesi. Monsignor Raffaele Facciolo è confermato nel ruolo di Vicario generale. Ad affiancarlo ci sarà don Maurizio Aloise, come pro Vicario generale, votato da circa 130 presbiteri. Cinque poi i vicari episcopalinominati: Monsignor Giuseppe Silvestre, don Gregorio Montillo, don Vincenzo Zoccoli e don Gesualdo De Luca per le nuove quattro zone pastorali in cui il territorio della diocesi sarà diviso; e padre Gregorio Colatorti per la Vita consacrata. Inoltre sono stati nominati don Dino Piraino per la Caritas Diocesana, don Roberto Celia vicedirettore, don Ivan Rauti responsabile della Pastorale giovanile, don Mario Olanda, incaricato per la promozione del sostegno economico della Chiesa, don Salvino Cognetti e don Antonio Ranieri per la formazione dei giovani sacerdoti, don Marino Tinello penitenziere diocesano, don Massimo Cardamone direttore dell’ufficio tecnico e Maria Stella Santoro incaricata per i Beni culturali ecclesiastici. Costituto pure il tribunale ecclesiastico per quattro cause già istituite che necessitano di un completamento prima di arrivare alla Congregazione delle Cause dei Santi. Stiamo parlando di Maria Atonia Samà, di don Francesco Caruso, di Antonio Lombardi e del Beato Paolo De Ambrosis da Cropani. L’intenzione è quella di farli arrivare presto agli onori degli altari (insieme alle altre due cause che sono già al vaglio di Roma: Nuccia Tolomeo e Concetta Lombardo). Per far ciò lavoreranno a ritmi serrati Monsignor Raffaele Facciolo, delegato episcopale, padre Pasquale Pitari, promotore di giustizia, e don Marcello Froio, notaio. Insomma: la Chiesa catanzarese onora i suoi figli più santi. D’al - tronde per primi hanno riempito di Eterno il loro attimo. Come adesso ci insegna Monsignor Bertolone nella sua lettera pastorale.

 


 

 



 

 

 

  

    Photo Gallery

  

    Lettara Pastorale

Mons. Vincenzo Bertolone
Lettera Pastorale 2010 - 2011

DOCUMENTO INTEGRALE

 

 
     

web project management ® WEB STUDY

info ottimizzazioni - note legali